Cambiamento Climatico

Phoresta / Cambiamento Climatico

Cos’è il Cambiamento Climatico o “Climate Change”?

Il climate change è il cambiamento climatico causato dell’aumento del riscaldamento globale (global warming) e delle emissioni di gas inquinanti.

L’anidride carbonica CO2 e gli altri gas effetto serra si distribuiscono quasi uniformemente in atmosfera, vi restano almeno 100 anni, catturando il calore emesso dalla superficie terrestre.

La natura di intrappolamento termico della CO2 e degli altri gas effetto serra è stata dimostrata già a metà del XIX secolo: l’aumento dei livelli di gas effetto serra fa riscaldare la Terra, gli oceani e tutte le superfici.

E il clima della Terra risponde ai cambiamenti dei livelli di gas effetto serra: il climate change è testimoniato dai dati raccolti per decenni a terra, dai satelliti ed da altri progressi tecnologici, che evidenziano un clima in continuo cambiamento (Fonti: NASA, NOAA, National Oceanic and Atmospheric Administration, US National Accademy of Sciences, The Royal Society, IPCC Intergovernmental Panel on Climate Change).

Il riscaldamento attuale ha un ritmo dieci volte più veloce rispetto a quello avvenuto per il recupero dell’era glaciale. (Fonte: IPCC Intergovernmental Panel on Climate Change).

Il climate change espone tutti a diversi rischi:

  • ondate di calore
  • scarsità di acqua
  • riduzione delle produzioni agricole; perdita della fertilità dei suoli
  • riduzione della biodiversità
  • problemi alla produzione di energia e alle infrastrutture. (Fonte: Nature, 2019)

Cosa provoca il climate change?

I cambiamenti climatici o climate change sono causati dall’immissione in atmosfera di gas clima alteranti, che sono prodotti principalmente dalle combustioni di fossil fuel, petrolio, carbone, gas, dalla deforestazione, dall’agricoltura, dagli allevamenti e dalla trasformazione dell’uso dei suoli. (Fonte: IPCC Intergovernmental Panel on Climate Change). Le combustioni di gas e carbone sono necessarie per numerose attività:

  • produzione di energia elettrica;
  • riscaldamento delle abitazioni;
  • funzionamento della produzione industriale, di treni e metropolitane.

I derivati del petrolio permettono il funzionamento di auto, camion, navi e aerei.

Complessivamente la produzione di energia, il riscaldamento e il raffreddamento degli edifici, la produzione industriale e i trasporti rappresentano circa il 77% di tutte le emissioni di gas clima alteranti nel mondo. Deforestazione, agricoltura, allevamenti e modifica all’uso dei suoli contribuiscono al restante 23% (Fonte: Join Research Center: Fossil CO2 Emissions of All World Countries – 2018 Report).

La deforestazione, i tagli e gli incendi, rilasciano in atmosfera CO2. L’agricoltura con l’uso di fossil fuel, fertilizzanti e pesticidi rilascia in atmosfera gas clima alteranti lungo tutta la filiera.

I pascoli di bestiame sono creati eliminando i boschi, cioè praticando la deforestazione.

L’allevamento industriale funziona coi fossil fuel, utilizza mangimi prodotti con la agricoltura intensiva anch’esso produce gas clima.

La digestione dei bovini causa il rilascio in atmosfera di metano, un gas con effetto serra 25 volte maggiore di quello della CO2.

La terra disponibile viene continuamente trasformata in terra arabile, ed usata per produrre soprattutto mais e soia che non sono alimenti, cioè non vengono consumati dove sono prodotti, ma utilizzati come materia prima nell’ industria produttrice di mangimi.

Ogni tonnellata di CO2 emessa contribuisce al riscaldamento globale quindi al climate change. Non importa quando viene emessa. E neppure da chi. E di tonnellate ne vengono emesse circa trentanove miliardi ogni anno.

Ogni cittadino europeo ne emette circa sette tonnellate ogni anno. (Fonte: IPCC Intergovernmental Panel on Climate Change)

Chi misura il Climate Change?

Per conoscere e gestire gli effetti del climate change bisogna misurare la quantità di gas clima alteranti emessi ogni anno e la loro concentrazione in atmosfera.
I gas clima alteranti sono misurati in CO2 equivalente (CO2 eq.): ad esempio una tonnellata di metano emessa vale 25 tonnellate di CO2 eq. cioè ha un effetto serra 25 volte maggiore della CO2. La concentrazione si misura in parti per milione.

Il NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), l’agenzia del Dipartimento statunitense del commercio, ha un sistema di rilevamento e analisi che combina i dati della temperatura globale della superficie degli oceani con la temperatura dell’aria di tutta la superficie terrestre.(https://www.ncdc.noaa.gov/data-access/marineocean-data/noaa-global-surface-temperature-noaaglobaltemp )

Il progetto OCO-2 della NASA raccoglie i dati per misurare con precisione la concentrazione della anidride carbonica CO2 in atmosfera e per capire le fonti delle emissioni di CO2, per area geografica, e per flussi e le loro variazioni nel corso delle stagioni. https://oco.jpl.nasa.gov/science/ https://oco.jpl.nasa.gov/galleries/Videos/

L’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) è l’agenzia delle Nazioni Unite che produce l’inventario nazionale delle emissioni di gas clima alteranti e monitora la conoscenza scientifica sul climate change. Come lo fa? L’IPCC valuta le migliaia di pubblicazioni scientifiche sul climate change, aggiorna lo stato della conoscenza e del consenso tra gli scienziati, fornisce le informazioni sui rischi e per sviluppare politiche climatiche. Gli stati membri sono 195. Centinaia sono gli scienziati di diverse discipline, che contribuiscono al lavoro dell’IPCC, che individuano gli impatti, definiscono le vulnerabilità e suggeriscono gli adattamenti al climate change. www.ipcc.ch

A chi servono le informazioni sul Climate Change?

I dati sui gas clima alteranti e lo stato della conoscenza scientifica sul climate change servono a cascata a tutti gli altri enti ed istituzioni internazionali, ai governi ed alle loro agenzie; ma anche ai partiti, ai sindacati, alle associazioni di categoria, alle aziende, ai fondi pensione dei lavoratori, ai comitati di cittadini.

A cosa servono questi dati?

Per individuare i rischi e le vulnerabilità. Poi per decidere le azioni di riduzione delle emissioni, di mitigazione e adattamento nei loro settori, nei loro cicli produttivi, nei loro ambiti, nelle loro competenze, nelle loro sfere di azioni, nelle loro città e quartieri.

L’IPBES (Intergovernmental Platform on Biodiversity and Ecosystem Services) è una organizzazione intergovernativa che valuta le informazioni scientifiche sulla biodiversità ed i servizi ecosistemici e li collega alle politiche sulla riduzione dei rischi legati alla perdita della biodiversità ed alla riduzione dei servizi ecosistemici a livello locale e globale. ( ipbes.net).

Il FMI (Fondo Monetario Internazionale) offre guide pratiche ai governi locali o nazionali per gestire i danni materiali ed economici provocati dal climate change e per sviluppare l’adattamento climatico. E sui legami tra finanza sostenibile e stabilità finanziaria. https://www.imf.org/en/Topics/Environment

La Banca di Inghilterra già dal 2016 si è occupata di come il climate change interferisce sulla capacità delle banche centrali di raggiungere i loro obiettivi di stabilità monetaria e finanziaria. E ha individuato due tipologie di rischi per le banche centrali:

  1. i danni fisici a case, uffici, infrastrutture causati dagli eventi atmosferici provocati dal climate change, come piogge, cicloni, alluvioni etc;
  2. una decarbonizzazione troppo veloce può sconvolgere i prezzi e il valore dei patrimoni delle aziende che non hanno ancora iniziato percorsi di riduzione della loro dipendenza dai fossil fuel. (Working Paper n 603: Let’s talk about the weather: the impact of climate change on central banks)

La Commissione Europea ha individuato almeno dodici tra azioni, strategie di adattamento, politiche per la riduzione delle emissioni, per i trasporti e obiettivi climatici.

Ha emanato direttive e regolamenti che rendono obbligatorie nei bilanci aziendali, le informazioni sull’impatto ambientale dall’uso dei fossil fuel.https://ec.europa.eu/clima/index_en
Le compagnie di riassicurazione da almeno trenta anni considerano gli effetti del climate change sui rischi da assicurare.
Molte aziende hanno iniziato percorsi di decarbonizzazione e di compensazione delle emissioni.
Il climate change è entrato nei tribunali di vari paesi. Sono oltre un centinaio le cause nel mondo per chiedere ai governi ed agli stati di ridurre le emissioni di gas clima alteranti con due motivazioni:

  1. lo stato ha il dovere di proteggere le risorse pubbliche dai pericoli ed il climate change è un pericolo.
  2. il diritto alla vita umana ed alla salute sono colpiti se gli ecosistemi sono danneggiati dagli effetti del climate change.

Climate change: perché è importante conoscerlo?

Perché la mancanza di informazione diventa disinformazione.
Il climate change sta agendo. È già in azione. È un problema odierno.
Introduce nuove minacce nella tua vita di cittadino. Impone alla tua azienda di affrontare i rischi. Rovina e fa sparire gli ecosistemi, è causa diretta della riduzione della biodiversità. Riduce la produzione quindi la disponibilità di cibo. Crea problemi alle città e a tutte le infrastrutture. Interessa il funzionamento dell’economia e l’esistenza dei diritti umani e civili. È un rischio sistemico.

Tu cittadino sei esposto alle ondate di calore e all’inquinamento dell’aria. Ogni essere umano respira circa 10.000 litri di aria. La tua azienda ne risentirà per l’approvvigionamento delle materie prime, per l’aumento dei costi di fornitura e per i rischi materiali.

Gli ecosistemi subiscono l’aumento delle temperature e i regimi delle piogge e riducono conseguentemente la “produzione” di beni che tu usi: l’ossigeno, prodotto dagli alberi, l’acqua, che viene dalle piogge, la conservazione della fertilità del suolo. Oppure perché, semplicemente spariscono. Le produzioni agricole si riducono per le piogge estreme o le lunghe siccità, ma anche perché sono sensibili alla variazione delle temperature che determinano il loro tasso di crescita. Le città e le infrastrutture sono esposte all’aumento del calore, alla riduzione di forniture acqua e a eventi atmosferici estremi.

Le nazioni e le aree più povere e meno strutturate subiscono senza rimedio tutti gli effetti del climate change (es. inondazioni e siccità). E le loro popolazioni sono costrette a emigrare. (Fonte: IPBES). L’economia come la conosciamo, la fossil economy per intenderci, non è ancora strutturata a livello macro (stati e istituzioni anche finanziarie) e micro (imprese, enti, organizzazioni) per mitigare ed adattarsi agli effetti del climate change.

È naturalmente a rischio il funzionamento dell’economia e della finanza semplicemente perché non sono sostenibili o resilienti.

Infine: i diritti civili ed umani, se diventa faticoso, o difficile o impossibile vivere sotto gravi minacce anche i diritti spariscono nel mare delle emergenze.

Che azioni puoi fare per mitigare e ridurre gli effetti del climate change?

Mitigare e ridurre gli effetti del climate change è una everyone – everywhere mission.
Non esistono vaccini contro gli effetti del climate change, ma per fortuna ci sono molte azioni che puoi fare per mitigare e ridurre il tuo contributo al climate change.
Puoi farlo da subito.
Ogni azione ha spesso anche due effetti economici: riduce i tuoi costi economici e crea lavoro stabile a basse emissioni.
Ecco cosa puoi fare:

  • ridurre le tue emissioni di CO2:
    • con meno carne nella tua dieta (Fonte: IPCC e IPBES);
    • utilizzando fonti rinnovabili di energia per il riscaldamento ed il raffreddamento della tua abitazione
      scegliendo il trasporto pubblico e condiviso, acquista o usa mezzi ibridi o elettrici;
    • riducendo i tuoi voli aerei;
  • mitigare le tue emissioni: calcolando la tua impronta di carbonio annuale ( carbon footprint) ( scriviamo qui: Phoresta ti aiuta, basta inviare mail a info@phoresta.org e ti comunicheremo i dati necessari?) e acquisendo il numero di crediti di carbonio uguali alle tue emissioni annuali. ( Mettiamo qui: Phoresta dispone di crediti di carbonio generati da progetti di nuova forestazione e da servizi ecosistemici e validati da dottori forestali ( vai alla sezione Progetti per vedere quali sono. ( Va bene questo rimando?)
  • fare tuoi i consigli di Phoresta ed usare tutti quelli che riesci ogni giorno per ridurre le tue emissioni e mitigare gli effetti del climate change che derivano dalle tue azioni ( 9 things you can do about Climate Change) ( nel sito attuale c’è una pagina con 9 tips – Abbiamo creato una lista di tips, te la allego)

Climate Change: cosa può fare la tua azienda?

La tua azienda può scegliere di de-carbonizzarsi, diventare sostenibile e informare tutti gli stakeholder di quanto sta facendo. Perché il climate change è un rischio previsto per i danni economici causati da eventi estremi.
De-carbonizzarsi è mantenere e aumentare il valore della tua azienda.

Decarbonizzazione

Le tue decisioni produttive, finanziarie e d’investimento devono tenere conto dei rischi del climate change.

La tua azienda inizia a calcolare i suoi rischi climatici e a misurare il proprio carbon footprint lungo tutta la filiera.

La carbon footprint di un prodotto, di un processo, di un servizio richiede che la tua azienda individui e misuri i consumi di materie prime e di energia lungo il ciclo di vita (LCA, Life Cycle Assessment) dei prodotti e dei servizi che vende. In seguito definisce un sistema di carbon management per fare investimenti, a basso contenuto di carbonio, che riducono le emissioni, abbassano il fabbisogno di energia da fossil fuel e rendono economicamente efficiente te e la tua azienda.
Le emissioni che la tua azienda non può ridurre può compensarle. Quando non è possibile economicamente, finanziariamente o per mancanza di tecnologia o per impossibilità fisica la tua azienda può neutralizzare le emissioni con la compensazione, acquisendo i crediti di carbonio equivalenti generati dai progetti di nuova forestazione o da servizi ecosistemici.
La compensazione con progetti forestali è economicamente la meno costosa, è scientificamente valida (Max Planck Institute, Monaco) ed è la più spendibile in termini di immagine aziendale.

Informare del cambiamento

Chi è socio della tua azienda, chi lavora per la tua azienda, chi ha prestato denaro e la deve valutare, deve conoscere i rischi climatici attuali e quali percorsi di decarbonizzazione sono stati intrapresi e con quali investimenti. Con le informative non economiche nei bilanci, ad esempio, tutti possono sapere che stai mantenendo il valore della azienda e, nello stesso tempo, difendendo la sua profittabilità, conoscere gli obiettivi via via raggiunti e misurare i risultati.

Climate Change: cosa facciamo noi di Phoresta?

Noi di Phoresta creiamo progetti, facciamo azioni e diffondiamo conoscenza presso cittadini e aziende, affinché inizino il cambiamento dalla costante distruzione a un’intenzionale rigenerazione economica ed ecosistemica.

  • Siamo in grado di calcolare e compensare le tue emisisoni con i crediti di carbonio validati, generati dai nostri progetti di forestazione e servizi ecosistemici.
  • Possiamo indicarti come, in concreto, ridurre le tue emisisoni ed i costi economici dei tuoi spostamenti e dei trasporti della tua azienda,
  • Creiamo gratuitamente eventi, seminari, incontri ed attività formative sul climate change, la compensazione, decarbonizzazione e sostenibilità
  • Possiamo assistere la tua azienda e aiutarla ad intraprendere il percorso di decarbonizzazione e sostenibilità.

Noi di Phoresta siamo in grado di conoscere e compensare le tue emissioni di CO2 con due passaggi.

  • Stimiamo la tua impronta di carbonio (carbon footprint) cioè il totale annuale delle tue emissioni, raccogliendo i dati relativi alle cause di produzione di CO2 in quattro grandi categorie: l’elettricità, i carburanti, gli spostamenti e l’alimentazione.
  • Compensiamo la tua impronta di carbonio (carbon footprint) attraverso l’acquisto di crediti di carbonio che abbiamo generato coi nostri progetti di nuova forestazione e per servizi ecosistemici. (qui mettiamo i link alla sezione Progetti? Progetto Ossigeno, Progetto fo – Restare, Bosco della Biodiversità di Bologna)

Con il nostro progetto Lo Scegli Veicolo (www.loscegliveicolo.it) possiamo indicarti in concreto come ridurre le emissioni, i costi economici dei tuoi spostamenti e dei trasporti della tua azienda. Ti diamo le informazioni combinate esattamente per scegliere l’auto che serve per i tuoi spostamenti o per la flotta aziendale, così ti permetteremo di ridurre le tue emissioni ed i costi di acquisto e manutenzione. Con le informazioni ricavate da Lo Scegli Veicolo usi l’auto che ti serve solo per gli spostamenti e i trasporti che effettivamente fai.

Noi di Phoresta collaboriamo gratuitamente per creare eventi, seminari incontri ed attività formative presso di te, i tuoi amici e familiari e le associazioni cui aderisci, per illustrare cosa è il climate change, come si deve agire, quanto è efficace la compensazione e per la consapevolezza di quanto la nostra vita biologica ed economica dipende dagli ecosistemi e dai servizi ecosistemici.

Noi di Phoresta possiamo aiutare la tua azienda ad iniziare il percorso di decarbonizzazione e sostenibilità e a creare tutte le informative per gli stakeholder, a farti conoscere ad altre aziende che cercano fornitori sostenibili

Ultime notizie sul Climate Change