Biodiversità: cos’è, perché è così vitale per noi (II).

Phoresta / Climate Change  / Biodiversità: cos’è, perché è così vitale per noi (II).

Continuiamo a occuparci di biodiversità facendo seguito al precedente articolo – sullo stesso tema – pubblicato sul numero 67. Questa volta ci occupiamo di funghi e di batteri sulla scorta di un interessante articolo di Marcel van der Heijden apparso sul sito Agroscope.

L’articolo parte dalla considerazione che i nostri terreni  filtrano l’acqua e consentono così agli alimenti di crescere. Ma questo succede solo perché i terreni contengono migliaia di funghi e di batteri. In sintesi:  più la comunità microbica è ricca di specie più le funzioni dell’ecosistema e quindi l’agricoltura rimangono inalterate. Come avviene tutto ciò? Lo studio svolto da Agroscope  e dell’Università di Zurigo – che è stato anche pubblicato su Nature Communications – rileva che i batteri e i funghi sono organizzati in gigantesche reti. E più la rete è interconnessa più i terreni sono fruttuosi per l’agricoltura.

Il motivo?

Il motivo è che grazie alle specie di batteri e di funghi sono presenti più sostanze nutritive assorbite dalle piante. E quindi più specie vegetali riescono a crescere. Insomma le diverse specie di funghi e di batteri lavorano assieme come in una sola gigantesca squadra. Van der Heijden fa un curioso confronto del terreno con una fabbrica in cui avvengono diverse lavorazioni a cominciare dal ricevimento della merce, alla lavorazione e così via. Più ci sono addetti più ‘la fabbrica’ è attiva. Cioè il terreno è produttivo per l’agricoltura. Inoltre le specie di batteri svolgono diverse funzioni  contemporaneamente. E quindi se una specie è assente la sua attività viene svolta da un’altra. Pertanto il terreno è produttivo anche nei periodi di canicola o prolungata siccità. Allora: l’ecosistema ha sicuramente molti nemici ma anche molti amici.