Achille: discorso semiserio con un semidio.

Phoresta / 2019  / Achille: discorso semiserio con un semidio.

Lettura 1 min

Questa volta – a proposito di 5×1000 – intervistiamo un guerriero anzi il più famoso guerriero della mitologia greca:  Achille. Proprio lui, l’eroe leggendario della guerra di Troia.

Noi – Bene Achille. Intanto i nostri omaggi e tutto il nostro rispetto. Lei è un semidio…

Achille- Sì certo. Mio padre Peleo era un mortale per quanto di rango. Era il re dei Mirmidoni di Ftia e mia madre Teti era una nereide.

Noi – Bene. Ricordiamo che le nereidi erano delle Ninfe marine. Ma lei come si sentiva a vivere in bilico tra questi due mondi?

Achille- Bene per Zeus, avevo i vantaggi e i pregi sia di voi mortali sia degli immortali.

Noi – Chiarissimo: è la prima volta che intervistiamo un semidio. E allora che cosa ci vuol dire del 5×1000?

Achille- Gran bella formula. Strano che voi mortali ci siate arrivati. Funziona da Dio… So che è una scelta volontaria con la quale si dice allo stato che il 5×1000 della propria irpef va destinato a un’associazione benefica.

Noi- Esatto: e lei quale sceglierebbe?

Achille -Phoresta naturalmente perché devolve tutto quello che riceve in forestazioni o creazione di nuovi boschi.

Noi – E come sa è molto semplice da adottare: basta far scrivere dal commercialista nell’apposita casella il codice fiscale dell’associazione:  nel nostro caso 976 295 40150.

Achille – Vero vero. Ma ditemi la verità: non è che questa formula abbia un inghippo?

Noi – Cioè un tallone d’Achille, tanto per essere in tema? No assolutamente.

Achille – Ah voi moderni siete molto avanzati. Avete previsto tutto. Mica farei la guerra contro di voi…