Sigillare per risparmiare.

Phoresta / 2019  / Sigillare per risparmiare.

Che cos’è Efficiency Vermont? E’ un ente americano (del Vermont, appunto)  che aiuta gli americani (e non solo loro) a risparmiare sulle bollette energetiche. Per l’esattezza è la prima utility di efficienza energetica degli USA. Il risparmio – come dice il nome – è ottenuto incrementando l’efficienza. Allora, spesso riceviamo dei post da questo ente. Alcune cose sono di difficile comprensione per un utente italiano altre volte troviamo dei consigli che possono tornarci utili. Come questo che ci aiuta a sigillare l’aria di casa nostra. Risparmiando così sull’energia per riscaldare o raffreddare l’ambiente.

Eccovelo riassunto tenendo conto che la procedura è spiegata anche con un video in cui l’azione di ‘sigillare’ il vostro appartamento è svolta da un incaricato che fa praticamente le varie operazioni. E le spiega. Andiamo con ordine.

I tre strumenti che servono sono:  un bastoncino di incenso per aiutare a identificare le perdite d’aria. Il video mostra come: basta capire da che parte va il fumo. Confessiamo che questa procedura ci ha stupito un po’: eravamo abituati a collegare l’incenso a funzioni religiose oppure per profumare la casa. Poi silicone, sigillante in lattice acrilico e/o schiuma a bassa espansione per sigillatura ad aria. Infine lattine di schiuma espansa isolante. Vengono poi elencati i dieci punti critici a cui prestare particolare attenzione. Eccoli: telai esterni delle porte; cornici per finestre; prese e interruttori; ingresso mansardato; tutti i condotti; tubature idrauliche; collegamenti elettrici o per carburante (come ad esempio il cherosene per stufe) in tutta la casa; davanzali; rubinetti dell’acqua all’aperto; luci da incasso; crepe e riparazioni nel soffitto. In sostanza tutti quei punti critici attraverso i quale l’aria può fuoriuscire da casa vostra. Siamo convinti che per fare bene questi lavori – in sé semplici – occorre però una certa manualità. Conosciamo persone che vanno a nozze con queste attività, altre terribilmente imbranate. Un consiglio finale: se siete più vicini a questa seconda categoria fatevi aiutare da un familiare. Dove non arriva uno, arriva l’altro. E buon lavoro.