RE-use with Love di Bologna fa tappa a Milano.

Phoresta / 2018  / RE-use with Love di Bologna fa tappa a Milano.

Perché l’economia circolare… circola

L’anno scorso (il 9-02-2017) avevamo intervistato le socie fondatrici del RE-use With Love di Bologna. Di cosa si tratta? E’ la prima boutique solidale di abiti usati per famiglie in difficoltà economica. Nata da un gruppo di donne, madri e lavoratrici che , in pratica, si scambiavano i vestiti dei loro figli e che poi hanno trasformato in un mercatino solidale vintage molto speciale e curato che è riuscito a finanziare dal 2010 ad oggi oltre 400.000,00 euro di  progetti solidali e di ricerca ed ha aperto anche una Boutique Solidale di distribuzione gratuita di abiti alle persone bisognose (la prima in Italia). Alla fine – come ci aveva spiegato la Presidente Veronica Veronesi – la boutique detiene un capitale sociale che può essere valutato come un capitale economico, fatto di relazioni e di capacità lavorative messe al servizio della comunità. E così con la raccolta di abiti usati si crea valore e una filiera virtuosa di autentica economia circolare (abiti usati che vengono venduti per finanziare progetti e rimanenze che diventano altri accessori rielaborati e che raccontano una storia di solidarietà e nulla viene sprecato o gettato). Questo ci era stato raccontato l’anno scorso, nel frattempo l’Associazione è andata avanti con i suoi progetti e le sue iniziative. Una di queste si svolgerà a Milano domenica  15 aprile dalle 10 alle 20 a Brera in Largo Paolo Grassi. Infatti RE-Use With Love sarà presente con un corner di abiti vintage donna ed accessori selezionati alla manifestazione  VERDE BRERA. Il tutto nella bellissima cornice della nuova iniziativa Verde Brera di Giardini e Terrazzi Garden Show Mostra Mercato. La manifestazione ha anche un ulteriore risvolto benefico perché sarà a favore della Fondazione Umberto Veronesi – per il progresso delle scienze. Una bella iniziativa che, conoscendo il dinamismo di queste intraprendenti donne, non sarà certo l’ultima. E noi ne daremo  notizia, doverosamente.